Che fai guardando le nuvole?

Giorni fa ho incontrato un uomo innamorato. Il luogo era la sala d’aspetto di un dentista, il tempo questa fine d’anno piovosa e febbrile. L’uomo in questione aveva un cappotto grigio in lana spigata, un orologio col cinturino nero, un paio di scarponcini di pelle anch’essi neri e due occhi fitti e profondi. Era assorto nella lettura di un romanzo quasi d’amore, o perlomeno così suggeriva il titolo stampato sulla copertina: Conoscere una donna. Il fatto è che in una sala d’aspetto ogni particolare diventa rilevante e la noia e l’impazienza rendono le cose secondarie più importanti di quello che sono. Non avverto la necessità di creare suspense nel lettore, né di costruire nel corso di questa piccola storia che vado raccontando uno stato di trepidazione tale da rendere indispensabile uno scioglimento finale degno di questo nome. Dirò perciò, senza troppe sorprese, che quell’uomo ero io. O meglio, io, ma in una versione a me ignota, in uno stato di verità totale, così diverso dalla menzogna che vedo nello specchio ogni volta che mi rado o che mi pettino. Io come non mi ero mai visto prima, senza la manipolazione delle espressioni, senza l’aspettativa di avere una sembianza piuttosto che un’altra, ma totalmente immerso nella sincerità di una lettura appassionata. Ero nello specchio, per la precisione ero riflesso nella vetrata di una porta. Il mio viso e il mio corpo mal si conciliavano con il libro che tenevo fra le mani, o più che con il libro direi con il gesto pieno di delicatezza con cui lo reggevo, sospeso a mezz’aria, fra le ginocchia ripiegate e gli occhi concentrati e seri, come di un bambino che mostra orgoglioso alla madre un nido di uova di passero appena deposte. C’è prima di tutto una cosa, amo i libri, e questo mi dà lo status di uomo innamorato. C’è poi che non ricordo di essermi mai sorpreso in uno specchio intento a leggere una storia. Così questo incontro fortuito di uno specchio e di una lettura mi hanno reso tutto molto più chiaro. Leggere un libro è completamente nella mia natura, ne ho letti a centinaia nella mia vita, ho per loro una passione sviscerata, li desidero e li conservo come tesori inestimabili, sui libri ho costruito perfino una ragione di vita. Eppure sono molto più avvezzo a vedermi in atteggiamenti banali e secondari come verificare nello specchio il colletto di una camicia o la buona riuscita di un accostamento di colore che non a sorprendermi con gli occhi e con il cuore catturati da una storia di seconda mano. Perciò posso a buon diritto affermare che l’uomo innamorato e assorto che leggeva un libro nella sala d’aspetto del dentista era per me un completo sconosciuto. Nei versi finali di una poesia di José Hierro intitolata Le nuvole c’è una domanda che il poeta spagnolo rivolge a se stesso: “Inutilmente interroghi / dalle tue palpebre cieche. / Che fai guardando le nuvole / José Hierro?”. Io potrei contraffare quella domanda e indirizzarla all’uomo innamorato nello specchio. In fondo i libri non sono poi tanto diversi dalle nuvole.

Annunci
4 commenti
  1. “… cosa stai facendo?”
    “Sto ammirando”
    “Ammirando cosa?”
    “tutte le cose belle, tutte le cose belle …”

    ***

    guardando le nuvole, i miei più cari auguri per le cose che desideri e le persone che ami.
    Buon Anno, Andrea!

    nat

    • Andrea Pomella ha detto:

      Tutte le cose belle anche per te Natàlia.

  2. emanuela ha detto:

    Anche a me come a Yoel non piace molto questa frase di Lublin (il padre di sua moglie): “Alla fine abbiamo tutti gli stessi segreti”. pag. 62, “Conoscere una donna” di Amos Oz. ediz. economica Feltrinelli.

  3. Mimma ha detto:

    Ogni forma di innamoramento ci disvela a noi stessi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: