Perché mai sono così stranamente felice?

Presto andrò via da questa casa. Non ho ancora accettato l’idea che in fondo i luoghi che ci scegliamo sono come le cose in prestito che ornano la nostra vita. Come le coperte, gli spiccioli, i telefoni, le piante, i libri, i vestiti, le macchine, le posate, tutti gli oggetti che impropriamente crediamo nostri ma che in realtà si sottomettono a noi e alla nostra smania di proprietà solo per un tempo limitato (che sporadicamente coincide col tempo della nostra vita). Così anche queste stanze presto apparterranno a qualcun altro, e con esse l’aria che ho respirato e la luce che mi ha bagnato gli occhi, e le sere e le mattine e le lunghe ore di sonno. In linea generale sono un tipo che tollera a stento l’idea dei cambiamenti, o meglio, ho bisogno di farmene un’idea, di digerire il nuovo, e solo allora riesco a dirmi perfettamente a mio agio nella nuova piega che prenderanno gli eventi. Eppure stamattina sento dentro di me una strana euforia, una felicità che tengo a bada con fatica. I tempi che verranno si agitano come luci complicate sul soffitto, e io mi sento come la signora qualunque di Bodil Bech “i miei piedi vorrebbero lasciare la terra / e le mie braccia remare per i cieli”. Oggi c’è un sole freddo nei giardini, una luce bianca che fa scintillare le gocce di pioggia rimaste a dondolare sulle chiome degli alberi. Ho la finestra aperta, la montatura nera degli occhiali che indosso è diventata fredda. Stamattina presto ho parlato con i passeri in balcone. Il più piccolo fra loro mi ha risposto.

.

Bodil Bech, IN TRAM

Perché mai sono così stranamente felice?
È come se due uccelli dimorino
dietro i miei seni tesi —
dorata dolcezza sale e scende
quando respiro —
quasi penoso questo tenero palpito —
i miei piedi vorrebbero lasciare la terra
e le mie braccia remare per i cieli.
 
Così io non sono
una qualunque signora —
 
O forse sono
estremamente qualunque —
forse che non son qui
seduta nel tram
e pago il mio biglietto
volgendo un calmo profilo
alla finestra?
 
Forse son molte le donne
che pure volgono un calmo profilo
alla finestra
e son come me profondamente felici?
Sediamo tutte
con uccelli dietro i seni
e con un grembo che palpita
come una rosa di fuoco?
 
 
Annunci
4 commenti
  1. Anna ha detto:

    Molto bello!
    Forse ancor di piu’ perché anche io sto lasciando qualcosa di conosciuto e sto ” digerendo il nuovo” e ogni parola che hai scritto mi risulta davvero molto familiare, anche quell’euforia inspiegabile che arriva all’improvviso e che si alterna continuamente con il timore per qualcosa che ancora non sai.
    Grazie 🙂

    • Andrea Pomella ha detto:

      Grazie a te Anna, così mi sento meno solo!

  2. Marta ha detto:

    E’ meraviglioso che tu ti senta così felice. Ogni posto in cui passiamo ci lascia una scia di ricordi, dai più belli ai più dolorosi.. io vivo una situazione transitoria, intrappolata in una casa che tutto sommati mi piace (ancora con la famiglia), ma in un paese che sento come una prigione… e allora ogni volta che posso scappo via, e cerco asilo in altre case che sento più “mie”… non vedo l’ora di trovare un posto da curare, da sentire totalmente mio e poi da abbandonare quando la vita mi porterà per altre strade…

  3. Anna B. ha detto:

    Io invece lascerò la grande casa dei miei per tornare nel piccolo appartamento dove abbiamo vissuto quando ero piccola; non ricordo com’era ai tempi ma ricordo che non volevo abbandonare il mio piccolo nido per quel grande nuovo luogo sconosciuto!
    Ultimamente ci hanno abitato i miei nonni, così quel luogo si è arricchito dei mobili intagliati da mio nonno: “torno a casa”, che incredibilmente è ancor più carica di ricordi rispetto a quando l’avevo lasciata! E ci porto il mio fidanzato.
    Sono a metà tra la novità ed il ritorno, comunque un cambiamento, carico di “pensierosa euforia”!

    Buon cambiamento, Andrea!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: