Nel mio cuore di tenebra

Quando ero bambino temevo la notte. Tremavo come un ramo nudo di acacia appena mi ritrovavo solo nel letto, mi piegavo sul lato destro con la piccola luce di un lume sempre acceso e mi sforzavo di pensare al mattino assolato e caldo. Non so se le notti a quel tempo fossero tutte uguali. Quando sentivo il sonno fluire verso le palpebre e il sangue placarsi e scorrere benigno nel cuore forse la notte diventava qualcosa di diverso. So che le mie notti, fino a quel momento, avevano qualcosa di demoniaco. Avevamo un giardino allora che circondava la casa per tre lati, il lato che dava a ovest offriva una vista sul sole che tramontava dalla parte del fiume, oltre la ferrovia. Quando vedevo l’orizzonte infiammarsi e il cielo imbrunire mi sentivo come se qualcosa fosse sul punto di strapparmi dal mondo. Il mio non era un letto vero e proprio, a me era toccato in sorte un mobile con il letto a scomparsa, cosicché durante il giorno non avevo il modo di abituarmi all’idea del sonno poiché il letto era nascosto dietro la facciata in legno scuro del mobile. Nel buio di quel mobile era racchiuso un intero mondo. Certe volte, se mi svegliavo all’improvviso nel fitto della notte, mi sentivo congelare in una morsa di panico, avevo la sensazione di essere legato a una zattera in balia della corrente di un fiume. Il mio fiume immaginario attraversava selve imperscrutabili e piene di sussurri misteriosi. Il letto era il mio vaporetto Rois de Belges, lo stesso che accompagnò Conrad nel 1890 lungo il fiume Congo e che gli diede lo spunto per scrivere Cuore di tenebra. Immaginavo il fiato gelido che fuoriusciva dalle bocche di creature infernali nascoste nella boscaglia, esseri di cui non riuscivo a vedere altro che l’ombra, animali (o uomini che fossero) pronti a saltarmi addosso dietro un’ansa o al prossimo approdo sul fiume. Stanotte ho ripensato a quella antica sensazione di terrore che mi invadeva da bambino. In certe febbri notturne sono ancora lo stesso di un tempo, non mi hanno mai domato completamente. Ciò che non dovrei dimenticare è che il coraggio degli adulti è una simulazione.

.

Niko Grafenauer, VISITATORI DEL PARCO

Non so chi siete, visitatori del parco.
Sulle vostre spalle si è arrampicata la notte
come un vecchio colombo dagli occhi spenti
in cerca del nido.

Amate pure la notte, visitatori del parco.
In essa pianga fino all’esaurimento
la vostra anima lasciando larghe tracce.
Gli alberi sono come bianchi sacerdoti
chini in devota preghiera.

Quando ve ne andrete, visitatori del parco,
con un tenero gesto vi scrolleranno
la notte dalle spalle.

Annunci
5 commenti
  1. Vedo che non scrivi poesia, ma prosa…Mi piace “Nel mio cuore di tenebra”: mi piace lo stile, mi piacciono le rivisitazioni e le citazioni. E’ suggestivo ed intenso quello che dici: è vissuto e ri-vissuto.

    Rosi Di Donato

    • Andrea Pomella ha detto:

      Grazie Rosi, fa davvero piacere leggere parole come le tue.

  2. Metallina ha detto:

    “In certe febbri notturne sono ancora lo stesso di un tempo, non mi hanno mai domato completamente. Ciò che non dovrei dimenticare è che il coraggio degli adulti è una simulazione.”

    sublime.

    • Andrea Pomella ha detto:

      Ciao, sei la benvenuta su queste sponde.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: