Paradosso della capra e dell’erba

28 aprile 2010

La prima domanda che si pone lo scrittore è: a chi interessa la storia che voglio raccontare? Non credo mai a coloro che dicono “non ho bisogno di nessuno, io scrivo per me stesso”. Non si scrive mai per se stessi, gli egoisti in genere non hanno alcun talento per le lettere. Qualcuno ribatterà che però il mondo è pieno di scrittori affetti da egocentrismo. Questo è sicuramente vero, ma proprio perché la scrittura è, a suo modo, una forma di esibizione allora c’è sempre bisogno di un pubblico disposto ad accoglierla. Lo scrittore quindi, anche se pone se stesso al centro del sistema solare, nel momento in cui si dedica alla scrittura compie, credo, uno splendido atto di prodigalità sociale. Il punto però è centrato sulla domanda cruciale: a chi interessa che io compia questo atto? Ed è davvero così indispensabile che la mia storia venga raccontata? Il progresso sociale dell’umanità può fare a meno di queste anime che mi ostino a mettere in scena? Ne può fare a meno, senz’altro; tuttavia, se la totalità di queste messinscene fosse cancellata dal mondo, verrebbe meno la differenza che distingue l’uomo dalle altre forme di vita. Quindi, ne deduco, la letteratura è quella cosa che salva l’uomo dall’inciviltà. Il capo di un governo occidentale ha recentemente sostenuto la tesi secondo cui un certo tipo di letteratura ha il potere di macchiare l’onore di una nazione. Questo signore, posto di fronte a una capra silenziosa che bruca l’erba di un prato, penserebbe “però se alla capra togliessimo l’erba, il prato poi non sarebbe così pieno di merda”.

Annunci

4 Risposte to “Paradosso della capra e dell’erba”

  1. paolo salvi Says:

    Mi rallegro per il paradosso e per la capra, in particolare!
    Convengo. Il raccontare è un’URGENZA che ci “distingue” come genere e rende giustizia al LETAME di cui abbiamo (come fiori) assoluto bisogno. Intendiamoci; il LETAME, quello VERO!!
    (Vedi alla Voce Fabrizio di Via del Campo)
    Del resto, avrebbe detto T.D.Lemon Novecento:
    “Finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla, non sei fregato fino in fondo”.
    E… “IN CULO IL REGOLAMENTO”.
    Baricco (in questo caso), docet.

    • Andrea Pomella Says:

      Il paradosso sta proprio in questo, il signore vorrebbe togliere l’erba per eliminare il letame, ma così facendo la capra ne morirebbe. Il signore però non si pone alcun problema di fronte all’ipotesi della dipartita della capra, a lui interessa che il prato sia pulito dal letame, e per fare questo sarebbe perfino disposto a fare a meno dell’erba (lui però non pensa che un prato senza erba non è un prato). Insomma, caro Paolo, la questione è complessa e la capra se la passa davvero male…

  2. Fabio Spada Says:

    Trovo divertente e stimolante il paradosso dell’erba e della capra ma nello stesso tempo non credo nella conseguenzialità con cui hai posto le due domande:

    “a chi interessa che io compia questo atto?
    Ed è davvero così indispensabile che la mia storia venga raccontata?”

    Proprio perché condivido che la scrittura si ponga, anche nei casi di evidente onanismo intellettuale, quantomeno come atto esibizionistico, credo che la prima domanda sia essenziale e che da essa non discenda necessariamente la seconda.

    Inquadrare, o essere teoricamente in grado di farlo, il proprio lettore ideale è sforzo che penso necessario, e lo dico da lettore stufo di essere inquadrato come pigro (come minimo) da ogni scrittore che non vede soddisfatte le proprie aspettative.

    • Andrea Pomella Says:

      In realtà non penso che le due domande siano consequenziali, cioè non è detto che dalla prima debba discendere la seconda. Il dubbio sulla necessità di una storia sta in piedi benissimo da sé, al di là del fatto che ci sia o meno qualcuno interessato al gesto della narrazione. Voglio dire che a volte ci sono storie che sono molto più esibizionistiche dello scrittore che le racconta.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: