Gusci d’uovo

La domenica pomeriggio le strade del quartiere sono vuote. L’aria d’inizio estate è torrida e noi non troviamo niente di meglio da fare che passeggiare fra queste vie silenziose. C’è un bar aperto, cerchiamo un tavolo sotto i dehors. Questo è il luogo di ritrovo della fiammeggiante borghesia locale, i loro cognomi sono stampati in ogni gesto, in ogni azione del corpo, fin dentro i minimi dettagli delle loro scarpe. I due ragazzi seduti al tavolo di fianco al nostro vestono in divisa d’ordinanza, i pantaloni beige, le camice bianche e i pullover blu arrotolati sulle spalle, i capelli lisci e un po’ lunghi con appena un principio di stempiatura, la puzza di classe dirigente che verrà. Il loro presente è accessibile dalla conversazione che intrattengono e che è regolata su un unico argomento, ossia macchine dai quarantamila euro in su. Più in là c’è un uomo di mezza età che sembra l’esatta proiezione nel tempo dei due ragazzotti in maniche di camicia, a distinguerli c’è solo il fitto reticolo di rughe da troppi solarium che si distende sul viso dell’uomo. La donna anziana che passa alle nostre spalle dopo qualche minuto, a sua volta, è il buco nero insaziabile che divora il mondo da secoli. Piccola, curva e nera, di una magrezza spettrale, la donna sembra una ex fotomodella mummificata. Avanza a passi lenti con il disprezzo segnato sul bordo della bocca, le dita scheletriche e cariche di gioielli, la grossa spilla d’oro che luccica al centro del petto scavato. Ha in mano una minuscola confezione di paste, la sua dose per uso personale da consumare nella buona ombra di un attico con vista panoramica, non prima di essersi assicurata il silenzio della badante con una promessa o con una minaccia. La sua voce abituata a comandare risuona con una vibrazione tormentosa, “Permesso!” esclama furibonda nell’attimo in cui un ragazzo col cane al guinzaglio ha il torto di contenderle il marciapiede. Lo sfoggio festivo di questa razza odiosa di esseri umani è rivoltante. Eppure gli sorridiamo addosso e ci diciamo che è fin troppo facile nascere, vivere e crepare in questi mondi comodi e senza scelte. Ce lo diciamo un quarto d’ora più tardi mentre osserviamo le vetrine di un negozio di calzature, in vendita c’è una sola marca di scarpe, come negli altri negozi ce n’è una sola per le giacche, una sola per gli orologi, una sola per l’argenteria, una sola per le borse, una sola per gli alimenti, andando in fondo alla strada si scopre che ce n’è perfino una sola per le casse da morto. Così, riflettiamo, una volta morti avranno il loro paradiso esclusivo in cui volteggiare senza pensare a nulla, nello stesso modo in cui hanno vissuto, come vuoti gusci d’uovo.

.

Carlos Trujillo, QUEGLI OCCHI CHE GUARDANO

Che cosa guardano quello che guardano quegli occhi che guardano?
Tanti pianeti diversi in questo stesso mondo
che a volte non sappiamo se siamo quello che siamo
né quando siamo
né dove
né chi si è.

Annunci
4 commenti
    • Andrea Pomella ha detto:

      La vecchia non era poi tutta questa bellezza!
      Ciao Gianni, grazie.

  1. Anna B. ha detto:

    Quando ho letto “i loro cognomi sono stampati in ogni gesto” mi si è acceso un ricordo…
    Diversi anni fa io ed una vecchia amica abbiamo incontrato uno della sua nuova cerchia di amici, il quale mi si è presentato con nome e cognome: è stato così sgradevole vedere un sorriso e sentire un cognome!
    Avrei capito se fossimo stati in un contesto in cui renderlo riconoscibile poteva avere un senso, invece è stato un semplice incontro casuale tra amici per le vie della città.
    Ti giuro che ho sgranato gli occhi per lo stupore e gli ho risposto col solo nome… la mia amica, vagamente imbarazzata, ci ha tenuto a precisare il cognome per me, facendo anche notare come “Bernasconi” ben si addica ad un’abitante del varesotto! Tentativo di farmi riacquistare i punti persi con la gaffe ma io, ai loro occhi, preferisco averli persi.

    • Andrea Pomella ha detto:

      Nelle piccole città e nella provincia queste cose hanno un peso anche maggiore. C’è una grande vastità di letteratura in merito. Il tuo ricordo è esemplare di quello che intendevo dire con questo scritto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: