Kenaz e l’amore che trasfigura

Ne avevo parlato qualche settimana fa, prima che mi accingessi a leggerlo, in una specie di recensione preventiva, o se si preferisce, in un commento al profumo di pagine appena comprate. Sto parlando di Yehoshua Kenaz e del suo Ripristinando antichi amori, romanzo multiforme e a suo modo perfetto che narra delle vicende dei personaggi che animano un condominio di Tel Aviv. E adesso che ne ho ultimato la lettura mi accorgo che è difficile parlarne come vorrei, senza cadere nella tentazione di scrivere il classico giudizio sulla complessità del romanzo corale e sui molteplici strati di senso con i quali, spesso e volentieri, si ha a che fare quando si affronta la narrativa contemporanea israeliana. Se c’è un modo corretto di esprimersi su quest’opera è proprio facendo a meno di nominare i personaggi e le storie che li vedono protagonisti, e semmai soffermandosi sulla natura di quegli amori a cui si allude nel titolo. Ne Il bacio del serpente di Josip Osti, che leggevo proprio stamattina, si dice: “la vita non è una favola // quando ti bacio / ti trasfiguri in una serpe // mi baci // con ogni bacio siamo sempre più vicini alla morte”. Ecco, gli amori dei personaggi di Kenaz sono proprio così, uomini e donne trasfigurati dall’amore, che nell’inseguire i propri desideri non fanno che avvicinarsi sempre di più alla morte morale del proprio spirito. Il condominio decadente di Tel Aviv che fa da sfondo al romanzo sembra avere i pavimenti che fluttuano, le pareti che trasudano di un continuo bisbigliare, e il lettore – che sta affacciato a una finestra che dà sul cortile interno – si accorge che se desidera evadere da se stesso deve distruggere tutte le finestre degli altri, insinuarsi lentamente sotto le luci di lampadina che illuminano debolmente queste vite di sconosciuti, sdraiarsi furtivamente accanto a loro, come un angelo invisibile. Solo così si riesce a comprendere la sostanza di questi amori “da ripristinare” di cui ci parla Kenaz e che la malattia della contemporaneità ha reso aridi, desertici, e che – addentrandoci via via nella lettura del romanzo – ci accorgiamo di conoscere, nostro malgrado, così bene. In un’intervista rilasciata a Elena Loewenthal e pubblicata su La Stampa nell’ottobre del 2009, Kenaz ha affermato: “Non sono sicuro di scrivere nel presente. Le mie storie possono essere ambientate nel passato remoto e in quello prossimo. Spesso non hanno tempo. Non so nemmeno dire se esse abbiano un qualche riflesso sul presente”. Leggere Kenaz ci lascia così con un interrogativo aperto, una domanda che riguarda noi stessi, il nostro mondo di cose quotidiane, e il riflesso che esse hanno sul valore profondo della nostra vita. Potremmo chiamarlo “senso”, se non fosse una parola così abusata.

Annunci
4 commenti
  1. ANDREA,PIU’ CHE UN COMMENTO O RECENSIONE PER ME E’ UN RACCONTO DENSO DI SIGNIFICATI CHE PONGONO DOMANDE,DOMANDE PER LE QUALI VENGONO MOLTEPLICI RISPOSTE(OGNI SITUAZIONE,SENTIMENTO O MOMENTI DELLA NOSTRA VITA SONO PRISMATICI)IO NON SO SCRIVERE,MA SO LEGGERE(HI HI )E LA TUA SCRITTURA MI AFFASCINA

    • Andrea Pomella ha detto:

      Ciao Ofelia, grazie dei prismi!

  2. sisu ha detto:

    “..nell’inseguire i propri desideri non fanno che avvicinarsi sempre di più alla morte morale del proprio spirito..” leggo e rifletto.. forse dovrei preoccuparmi di me stessa allora? io inseguo i mie desideri e li aspetto.. ogni gorno..

    • Andrea Pomella ha detto:

      Non so se tu debba preoccuparti di te stessa, questo è quello che succede ai personaggi del libro di Kenaz.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: