Nei pozzi artesiani di Proust

La Recherche me la portava mia madre dalla biblioteca della scuola, un volume ogni due mesi circa, ho impiegato più di un anno per leggerla tutta. Avevo diciannove anni quando iniziai. A quel tempo ero giovane e temerario e senza soggezioni, e per portare a compimento quella che mi sembrava un’impresa titanica stabilii un metodo di lettura: venti pagine al giorno, dopo pranzo, possibilmente sdraiandomi sul letto e tenendo uno spiraglio di finestra aperta per sentire i profumi del giardino, anche d’inverno. Quello fu il mio modo di pianificare l’impresa, anche se – me ne rendo conto – leggere quattromila pagine con lo spirito di chi progetta di raggiungere il polo nord alla guida di una slitta trainata da cani, non è il massimo. Terminate le mie venti pagine pomeridiane spesso capitava che mi addormentassi. Ciò non era dovuto al peso della lettura, ma semmai era un modo ulteriore che la mia immaginazione escogitava per penetrare la scrittura di Proust. Le mie erano sonnolenze rapide, una diretta conseguenza del silenzio trasparente con cui lasciavo scorrere i miei occhi dentro le pagine, o un modo per contenere e spegnere la febbre che mi assaliva. Senza quel sonno non credo che avrei partecipato con uguale intensità al tè della zia Léonie, ai giochi delle fanciulle in fiore, ai ricevimenti dalla duchessa di Guermantes e alle visite nell’atelier di Elstir. Quell’anno mi capitò di fare un viaggio in Francia, feci in modo che mi scattassero una foto accanto alla tomba di Proust nel cimitero del Père-Lachaise. Solo quel giorno, davanti all’obiettivo della macchina fotografica e sotto il principio di una piccola pioggia d’agosto che bagnava Parigi, compresi fino in fondo il senso di quella frase che avevo letto nel Tempo ritrovato un minuto prima di partire: “Le opere, come nei pozzi artesiani, salgono tanto più alte quanto più a fondo la sofferenza ha scavato il cuore”.

Annunci
2 commenti
  1. La Recherche è stato il mio regalo di laurea (non aveva niente a che vedere con la laurea) e ora porterò in vacanza l’ultimo volume che mi rimane da leggere (Il tempo ritrovato). Penso alla nostalgia che mi verrà quando avrò terminato, perché La Recherche è un viaggio lungo e complesso e ora quel viaggio sta per finire. Per fortuna questi volumi sono miei, una volta tanto non avrò la biblioteca alle calcagna, e potrò sfogliarli ogni volta che voglio.
    Grazie per aver parlato di quest’opera immortale.

    • Andrea Pomella ha detto:

      Sono assolutamente d’accordo con te, la Recherche è un viaggio, e non puoi dire di averlo fatto se non sei arrivato alla fine, all’ultima tappa. Sono sicuro che ne conserverai delle fotografie meravigliose.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: