Eremo

18 agosto 2010

Da domenica scorsa mi sono isolato in un antico monastero del Trecento in Umbria, gli ospiti in questo posto arrivano alla spicciolata ogni giorno, la prima cosa di cui restano incantati è il silenzio. Quassù c’è un silenzio fitto, un lieve sussurro di vento che porta con sé l’odore gelido dei boschi. La mattina, quando mi inerpico lungo la strada sterrata che conduce alla terrazza panoramica, osservo le cime dei cipressi che ondeggiano contro il cielo azzurro, poi getto lo sguardo lontano, sulla valle sottostante, che si schiude come lo sfondo di un trittico rinascimentale. Una volta arrivato qui mi sono subito ripromesso che avrei scritto a lungo, seduto a un tavolo di ferro battuto, strusciando le scarpe sulla ghiaia e scaldandomi le braccia al sole agostano. Ma poi mi sono accorto che in un posto come questo non c’è spazio per la scrittura, nelle giornate particolarmente belle non c’è da fare altro che immergersi nei boschi, passeggiando nei sentieri che serpeggiano lungo il pendio, lasciando che la vista si perda in un compiacimento senza fine. E così non ho tirato giù nemmeno una riga, e tutti i miei buoni propositi si sono smarriti in questa quiete secolare. Due giorni fa, osservando da lontano un ruscello che saltava e correva come una cagnetta per avvisarmi nel folto del bosco, ho pensato intensamente a come l’universo avrebbe potuto generarmi nelle fattezze di un lupo, o di una lepre, o di un raggio di sole che incide le chiome argentate degli ulivi, e a come tutto questo sarebbe stato naturale e privo di implicazioni. Per ora la società è da un’altra parte. E io sto benissimo così.

Annunci

3 Risposte to “Eremo”

  1. adamantia Says:

    “la societa’ e’ da un’altra parte. E io sto benissimo così.”.

    ultimamente mi chiedo se questo possa diventare uno stile di vita e non solo un rifugio estivo…
    ciao

  2. giuseppebarreca Says:

    a volte la bellezza della natura è talmente vivida che impedisce di fare qualsiasi cosa… riconosco questa sensazione, come mi piace il panteismo laico che traspare nella pagina di Andrea

  3. maria paola Says:

    Sono tornata da poco dalle vacanze, portandomi appresso i libri la cui lettura mi avrebbe maggiormente riempito di soddisfazione, nel contesto già generatore di piacere che è una vacanza. Ebbene, “l’osservazione della natura, ti capta in una dimensione..che ti irretisce in una osservazione/partecipazione che annulla qualsiasi attività, anche la più elevata (per me) quale il pensare!”. Mi sono trovata, (come al solito in questi periodi di “sospensione”) a sentire quanto siamo parte della natura, come un albero, un ruscello, una foglia o una fsrfalla, ma… “non” come se l’universo avrebbe potuto genenerarmi come una di queste cose, ma con la precisa responsabilità di sapere che è proprio il contrario… che generandomi, umana, ha posto in me dei germi di conoscenza e, mi chiedo quale è la strada per aprirmi alla lettura di questo libro.. quando la mia esistenza sarà abbastanza vecchia per generare in me questa facoltà?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: