La rivolta e la rassegnazione

2 dicembre 2010

Eppure in giro non vedo grandi atti di ribellione. La rivolta mi sembra più che altro un argomento invocato da coloro che si annoiano nel tempo che gli resta dopo aver saziato i propri bisogni privati. Se le cose stanno così, vuol dire che la rivolta oggi è una parola priva di speranza. In quei piccoli atti concreti di ribellione che si scorgono tra le pieghe del nostro tempo, io intravedo più che altro rassegnazione, e la rassegnazione, si sa, è all’opposto della ribellione. Due esempi che abbiamo sotto gli occhi in questi giorni: la protesta degli studenti contro la riforma universitaria e il suicidio di Mario Monicelli. Due rivoluzioni a loro modo bellissime, ma che includono al loro interno la radice amara della rassegnazione. Questo perché le strutture del potere corporativo, liberista, capitalista, hanno costretto sempre più il ribelle entro un perimetro ristretto in cui esercitare la propria rabbia, l’impegno morale a cui è vincolato non gli consente di intuire la cattività della propria condizione, così accade che perfino quella sua rivolta diventi vantaggiosa per il sistema di potere contro cui si pronuncia (la bagarre che si è scatenata ieri alla Camera sul tema del fine vita durante il ricordo di Monicelli ne è una riprova). Così, nel nostro tempo, io vedo sempre più miraggi di rivoluzioni che non offrono niente e non promettono niente, che poi, come ben sapeva Orwell: “ogni opinione rivoluzionaria attinge parte della sua forza alla segreta certezza che nulla può essere cambiato”.

Annunci

Una Risposta to “La rivolta e la rassegnazione”

  1. giuseppebarreca Says:

    L’atto di Monicelli, forse, è segno di una rassegnazione per così dire “attiva”; quando non ci sono altre possibilità, il proprio corpo rimane l’unico “strumento” per ribellarsi, anche facendosi del male.
    Gli studenti che si rivoltano, invece, penso esprimano più una generica “rabbia” sociale, un disgusto per una società che li respinge o l ghettizza, più che una vera forma di opposizione politica. Anche perché non esiste per loro un referente politico. E può anche essere che dietro di loro ci siano molti docenti universitari, baroni, che sperano che nelle università italiane nulla cambi. E infatti nulla mai cambierà.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: