I libri vengono alla fine di tutto

31 dicembre 2010

L’ultimo dell’anno è un giorno molto letterario. Voglio dire, si presta bene alla logica dell’invenzione letteraria. Ma stamattina, mentre venivo in ufficio pensavo, hai mai provato a immaginare tutti gli autori del mondo chiusi fra le quattro mura delle loro stanze e concentrati sull’idea della creazione? Hai mai provato a immaginare di guardarli tutti, come un uccello che plana di notte davanti alla facciata di un condominio e sbircia nei riquadri illuminati delle finestre, fino a comprendere in uno sguardo solo tutti quei momenti di solitudine perfetta e beata? Ringrazio Dio che esistano i libri e chi li scrive, ringrazio Dio che esistano i buoni e i cattivi autori, sì, lo ringrazio anche dei cattivi autori, senza di essi infatti non sapremmo apprezzare la maestria dei buoni. Ho tre libri sul comodino in questi giorni, i loro autori si chiamano Tabucchi, McCann e McCarthy. Sono un italiano, un irlandese e un americano, li conoscono tutti, perché appartengono alla categoria dei buoni autori (c’è questo di bello nel mondo, che i cattivi autori, a differenza dei buoni, non li conosce nessuno, o forse no, forse non è del tutto vero nemmeno questo). Ci sono stati giorni in cui quei tre libri erano ancora idee vaghe nella mente dei loro inventori, poi forse sono diventati appunti sparsi su un’agenda, su un file di Word, poi vere e proprie pagine, i libri vengono alla fine di tutto, dopo tutto, per noi che abbiamo bisogno di essere nutriti di storie e di idee, di mantenerci in forze. Dunque, trasmigrerò da un anno all’altro leggendo le storie di questi tre, cercando di comportarmi al meglio, di fare bene il mio mestiere di lettore. Pace e salute a tutti.

Annunci

4 Risposte to “I libri vengono alla fine di tutto”

  1. manodiangelo Says:

    Spero anch’io di fare del mio meglio qui e altrove tra le tante pagine sparse.Auguri anche a te Andrea e ai tuoi.

  2. Grimilde Says:

    Mi piace il tuo blog!


  3. “La strada” di McCarthy ogni tanto mi si materializza come i peperoni a cena, ma non per questo mi sento di metterlo tra gli autori cattivi. Come diceva Brecht, l’erba è più forte del toro perchè si rialza sempre. Così, a volte, è il rapporto con la lettura: una lite tra bambini che si dimentica con il tramonto, quando si ritorna a casa con un pallone sotto braccio. Buon anno a te che sei sbucato meravigliosamente nelle mie letture.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: