Un istante di indicibile bellezza

26 gennaio 2011

Sono le nove del mattino. Entro in camera, mio figlio è seduto al centro del letto come un piccolo Buddha. Ha otto mesi e mezzo e ha da poco imparato a cavarsela nella difficile arte dell’equilibrio. Il suo busto flessuoso e grassottello oscilla da una parte all’altra, sembra una florida pianticella battuta dal vento. Davanti a lui ci sono gli specchi delle ante degli armadi, lui è lì che guarda assorto e meravigliato la sua immagine riflessa. Io sono di lato, con le spalle al muro, ho le mani dietro la schiena, una giacca della tuta, i capelli scompigliati, e lo guardo. Guardo questa scena identica a tante altre, quando all’improvviso, in un istante secco e breve, ecco che sento una scossa imperiosa, una scintilla veloce nella testa e nel tempo che mi stordisce. Capisco all’istante che questa immagine, questa situazione che non ha niente di eccezionale (o forse tutto), mi resterà per sempre impressa nella mente. C’è la luce grigia del mattino che incide le pareti, il clamore lontano e indistinto della città, le porte sbattute negli appartamenti del condominio, i passi sulle scale, l’ascensore, decine di rumori familiari che assomigliano alla mia vita dissolta di un tempo. Lui mi guarda con la coppia di dentini inferiori che brillano come due zollette di zucchero. La purezza dei suoi occhi mi infonde il coraggio necessario per spezzare questo incantesimo. Gli oggetti riacquistano l’umiltà del loro colore. Ho la sensazione di aver afferrato per un momento il cuore umido della vita, un istante, una frazione di tempo, di indicibile bellezza.

Annunci

6 Risposte to “Un istante di indicibile bellezza”

  1. Fabiana Grasso Says:

    L’indicibile bellezza,di una bellissima anima…poche volte ancora riesco a commuovermi,grazie

  2. luciano Says:

    hai visto con gli occhi del cuore una scena che per quante volte si ripeterà rimarrà unica.
    Come un pugno di sabbia scivolando tra le dita del tempo non è rimasto che un tenero ricordo sbiadito, ma è dentro me che vive, lontano da occhi indiscreti e da falsi moralisti.Un tenero abbraccio luciano

  3. fausta68 Says:

    Questi attimi ti fanno toccare l’infinito! Non smetteresti mai di guardare – nascosto – un bambino assorto nella scoperta di sé …..è come vedere l’inizio del mondo, quando tutto era ancora nuovo ed incontaminato……

  4. manodiangelo Says:

    So di cosa parli. Ce ne saranno altri di questi momenti: io ne ricordo un paio per ognuno dei mie figli, peccato che gli altri siano andati perduti.

  5. Antonella Says:

    E’ stato andare indietro e rivivere attimi, momenti passati ad incarmi per un gesto, uno sguardo…
    Col tempo li ricordo sempre meno, resta dentro ma perde forza.
    Oggi poi che i miei figli sono adolescenti…attraverso una fase difficile della mia e della loro vita.
    Tutto questo rende i ricordi più dolorosi. Molto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: