Questa sera si recita a soggetto

28 gennaio 2011

Non dirò niente di nuovo che non si sia già sentito in questi giorni, niente di memorabile o di eclatante. Le parole che spenderò qui e in altri luoghi sono di nessuna utilità, sia moralmente sia praticamente. Però è necessario che io le dica, come è necessario non gettare la carta per terra o rispettare il prossimo o contribuire con la propria educazione al progresso civile dell’uomo. Lo spettacolo avvilente che sta dando di sé la classe politica italiana in questi giorni non ha niente a che vedere col passato di questa ancor giovane e così immatura democrazia europea. Le culture, le epoche, i tempi e i modi che cambiano sono spesso le parti tirate in causa per dare una spiegazione a quelle che i più vecchi percepiscono come derive irreparabili, e che il più delle volte sono semplicemente ascrivibili all’evoluzione dei costumi e della civiltà. Ma c’è un elemento radicalmente nuovo in questa lotta fra topi nelle fogne. È l’annullamento di ogni limite, il superamento di ogni vergogna, la spudoratezza con cui si finge, si dissimula, si raccontano menzogne, ciascuno recitando la propria parte, tutti sapendo che di una parte, appunto, si tratta, che tutto è palcoscenico, teatro, finzione. Non si tratta più di credere alla buona fede delle persone, alle ideologie, alle concezioni del mondo. La politica in Italia non è più questo, non è più credere in senso religioso, ma recitare. Questo significa che il pensiero è morto, che le idee per il progresso civile di una nazione non esistono più, ciò che sopravvive è una rappresentazione in cui ciascuno recita un copione scritto da altri. Vedo uomini politici, in questi giorni, andare in Tv a sconfessare la propria storia personale, i propri archetipi, per sostenere la finzione della parte che si sono scelti. I telespettatori guardano, ascoltano, sanno  bene che quelle persone stanno deliberatamente alterando la verità, ma loro stessi si comporteranno in modo analogo non appena ne avranno la possibilità. E questa, nella prospettiva del futuro di una nazione, è una tragedia di proporzioni colossali.

Annunci

3 Risposte to “Questa sera si recita a soggetto”

  1. manodiangelo Says:

    Non c’è nulla da aggiungere:nelle tue parole tutto risulta nella sua evidenza più lampante, nella sua sintesi più amara.Purtroppo mi tornano in mente le parole profetiche che ascoltai durante una lectio magistralis tenuta da M.Viroli sei,sette anni fa e che prospettavano la deriva morale verso cui ci stavamo dirigendo.Proprio ieri mi hanno scritto nel blog le parole di Pasolini presenti qui nel tuo profilo e dedicate all’Italia:non mi sorprendo nel trovarle desolatamente attuali.

    • Andrea Pomella Says:

      Le ho scelte apposta quelle parole, per la loro attualità, per il senso di vergogna che provo verso questo paese.

  2. fausta68 Says:

    E’ la Shoah della cultura, delle relazioni umane, della dignità, della morale…..che tristezza!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: