Il pudore della scrittura

14 febbraio 2011

Ho sempre avuto pudore nel far sapere agli altri che scrivo. Qualcuno dice che la riappropriazione dell’identità è un preliminare per dare soluzioni appropriate a certi problemi. E la mia identità è sempre stata in ciò che scrivo. Eppure, qualche settimana fa, quando un collega mi ha fermato fuori dall’ufficio esclamando, “Ma tu scrivi!” (si era imbattuto per caso in qualcosa di mio), io ho abbassato gli occhi e con un concentrato di imbarazzo e fastidio ho mormorato, “Lo fanno in molti”. Insomma, la mia è stata la tipica reazione turbata di un peccatore sorpreso nella sua perversione, ho minimizzato, ridimensionando di parecchio la portata di questo mio vizio, di questa mania che mi porto appresso come un’onta. Oggi in effetti scrivono in molti, quasi tutti (contando i reticenti). A quanto pare scrivere è una delle attività più desiderate dall’uomo. Molti si fermano a una semplice dichiarazione d’intenti, che in un certo modo diventa sufficiente per appropriarsi della qualifica di scrittore. Conosco qualcuno che quella qualifica se la mette perfino sul biglietto da visita. Le qualifiche in generale mi imbarazzano, dovrebbe bastare un nome e un cognome per giudicarci degni di essere cittadini del mondo. Io no. Io nego anche l’evidenza. La scrittura la ritengo un fatto privato, come andare al gabinetto, o come setacciare la dispensa alle 3 del mattino in cerca di una stecca di cioccolata. La domanda successiva del mio collega è stata, “Ma tu scrivi libri?”. Al che ho risposto, “No, io mi fermo sempre un secondo prima”. Ci ha messo un po’ di tempo per capire. O forse non ha ancora capito.

Annunci

9 Risposte to “Il pudore della scrittura”

  1. stalker Says:

    bellissima. mi ha strappato un sorriso.

  2. Laura Says:

    Mi hai fatto tornare in mente un brano di “C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo” (se non l’hai letto te lo mando).Pian piano devo (voglio) scoprire ogni singolo post di questo splendido blog.
    Buona giornata,
    L.

    • Andrea Pomella Says:

      No, non l’ho letto Laura.

      • Laura Says:

        “Il bello è che scrivere non serve a nulla di ciò che uno vuole.Scrivere è un limite,un dolore,un difetto in più.Il bello é che dopo averlo fatto stai malissimo.Niente è cambiato,tutto rimane al suo posto (….)”
        Della serie,elucubrazioni sulla scrittura e sul suo ruolo nella nostra incapacità di vivere.
        Grazie e ancora grazie Andrea

  3. libera Says:

    Strano, perchè “il pudore della scrittura “sembra quasi un ossimoro. Chi decide di scrivere lo fa sapendo di rompere quella dimensione intima che è il silenzio . Come il pittore che con la prima pennellata mostra di che colori sono fatti i suoi sogni, lo scrittore, secondo me, dando corpo ai suoi pensieri, desidera che gli altri leggano nel suo inchiostro la sua anima.
    O forse sbaglio, non so.

  4. Andrea Pomella Says:

    Com’è vero però.

  5. libera Says:

    A proposito dello scrivere, mi è venuto in mente un articolo di tanti anni fa di Eugenio Scalfari, sul desiderio infinito di raccontare, quasi una necessità, in ciascuno di noi. Lui diceva che raccontiamo le nostre vicende, raccontiamo i fatti vissuti, quelli degli amici, raccontiamo il nostro paese, raccontiamo i fatti tramandati, raccontiamo i sogni. Questa, secondo lui, è probabilmente la vera differenza che ci distingue dagli altri esseri viventi. In fondo viviamo per raccontare. Vorremmo raccontare anche la nostra morte ed è per questo che ci fa paura.

  6. serena Says:

    Questo desiderio di raccontare,di raccontarsi,di esprimersi è talmente viscerale, nasce da un bisogno talmente intimo, qualcosa a cui si deve dar sfogo,a volte con difficoltà.Ma deve uscire. E che bel “vizio”.E non credo che non cambi nulla dopo che lo si è fatto. Condividere è un gesto meraviglioso,uno dei più amorevoli che un essere umano possa fare. Ma questo,è solo il mio semplice pensiero.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: