Scrivere è Non scrivere

Quando osservo un oggetto, una bottiglia, un telefono, un portapenne, la mia vista mette a fuoco la forma di quell’oggetto, i dettagli, il colore, l’ampiezza, i riflessi, la luce. Tutto ciò che vede il mio occhio è dentro a quell’oggetto. Quell’oggetto però occupa uno spazio, e quello spazio è a sua volta popolato da una miriade di altri oggetti, cose che sfuggono in quel preciso istante al mio occhio, ma che non sfuggono alla mia mente. L’occhio vede solo una porzione infinitesimale dell’universo, la mente vede tutto nello stesso istante. Si potrebbe dire che leggere un romanzo equivale a fissare un oggetto nello spazio. Un romanzo è una nebulosa plasmatica con al centro una forma perfettamente identificabile. Eppure ciò che ci fa innamorare di un romanzo non è tanto la contemplazione di quella forma, ma è ciò che gli sta intorno, quelle cose che chiamiamo “atmosfera”, “clima”, “tonalità”, ossia le frasi non scritte. Un romanzo è composto da un numero limitato di parole, quelle parole servono a descrivere personaggi, ambientazioni, dialoghi, servono a far progredire le storie e a concluderle in modo edificante. Il bravo romanziere non è tanto colui che sceglie le parole adeguate per narrare una determinata storia, il bravo romanziere è un maestro dell’omissione. Il segreto di un grande romanzo sta nelle frasi che non sono state scritte, nelle parole che non troveremo mai neppure sfogliando cento volte lo stesso testo, parole che pure saremmo pronti a scommettere di aver letto da qualche parte. Scrivere è Non scrivere.

Annunci
4 commenti
  1. Hai colto perfettamente un’idea che spesso mi si è affacciata alla mente ma che non sono mai riuscito a esprimere in questo modo. Grazie Andrea!

    • Andrea Pomella ha detto:

      Anche io ce l’ho avuta in mente per tanto tempo, ma non sapevo come esprimerla. Poi ieri ascoltando in radio Celati che parlava di Luigi Ghirri, il quale a sua volta diceva che la fotografia è anche ciò che non si vede ma che sta oltre i contorni dell’immagine, ho avuto una specie di illuminazione.

  2. anna ha detto:

    leggo da molto i tuoi articoli e ti ringrazio, oggi, per la ricchezza dei tuoi scritti siano essi riflessioni, appunti, poesia, divagazioni…
    qui trovo un posto serio, accurato, mai arrogante piuttosto pacato con grande fermezza e motivato.
    inoltre oggi ho imparato molto da quel tuo “Scrivere è Non scrivere”, grazie.

    Anna

    • Andrea Pomella ha detto:

      Grazie a te Anna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: