Lei li stende con grazia

13 maggio 2011

Sono due ragazzi, vent’anni o giù di lì. Sono appesi ad un semaforo, in equilibrio sullo spartitraffico che separa due carreggiate a doppia corsia di scorrimento. Sono stranieri, forse americani a giudicare dall’abbigliamento che indossano. E sono ubriachi. Pazzamente ubriachi. Come siano finiti sullo spartitraffico alle sei e mezza del mattino, su una strada che non prevede locali notturni, abbarbicati al palo giallo di un semaforo come se fossero due vedette del mare che gridano alla ciurma dall’albero maestro, è qualcosa che non si concilia con le spiegazioni ordinarie capaci di persuadere una forma regolare di umanità (quella per intenderci tirata giù dal letto a forza da una sveglia, e costretta ogni giorno a traversate transoceaniche per tenere fede all’antica promessa, vergata su un vecchio contratto di lavoro, di provvedere a un’onesta e puntuale timbratura del cartellino). Ci sono tre macchine ferme al semaforo. Nella seconda ci sono io. Nella prima c’è invece una donnina occhialuta con dei ricci demodé e lo sguardo da miope, le mani che afferrano il volante come se temesse di vederselo sfuggire da un momento all’altro. La donna in un istante diventa il bersaglio perfetto per i due ragazzi ubriachi che la invitano a bere un bicchiere (un altro) e le servono una raffica di oscenità in lingua inglese. La donna resta impassibile, talmente impassibile che è facile pensare che non si sia nemmeno accorta di tanta irriverenza. Mentre loro continuano a ridere e a sgolarsi, lei è immersa nel suo mondo. Poi un’ombra le si abbatte sulla faccia. È un sorriso impertinente che rivolge sorprendentemente ai due ubriachi. Una parola, un’espressione che non afferro, una frase pronunciata fuori dal finestrino, così ben assestata che i due ammutoliscono di schianto. Per un momento il silenzio riempie la strada. Il semaforo diventa verde, lei li stende con grazia.

Annunci

2 Risposte to “Lei li stende con grazia”

  1. foggyland Says:

    la normalità può essere spiazzante, alle volte anche quella, la si da troppo per scontata, Magari la donnina ha ringraziato per il bicchiere offerto..
    (a me piace da morire fare tutto di fretta al mattino, incastrarmi nel bagno, bruciarmi le labbra col caffè bollente e credere sempre di essere in ritardo e arrivare invece giusto in tempo..)

    • Andrea Pomella Says:

      Più che darla per scontata, mi sembra che a volte la normalità sia oggetto di derisione. Come se bisogna essere strani a tutti i costi, o sapersi distinguere per forza.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: