Pensami, tanto tanto e intensamente, con il corpo e con la mente

26 maggio 2011

Quando avevo nove anni pensavo che le canzoni dovessero per forza parlare d’amore. Pensavo che fossero come le favole, che parlano di orchi e di fate, o come i romanzi picareschi, insomma pensavo che la canzone rappresentasse un genere predeterminato nel quale non c’era posto per altri temi che non avessero riferimenti sentimentali. A casa mia si ascoltava i grandi successi di Julio Iglesias, Riccardo Fogli, qualcosa di Cocciante, diluvi di melassa come “Pensami / Tanto tanto e intensamente / Con il corpo e con la mente…”. Mi sembravano parole che mostravano l’assoluta semplicità della vita adulta, che nella mia immaginazione da bambino prefiguravano sconfinati orizzonti di libertà. Non conoscevo niente di quello che si suonava all’estero, non capivo una parola d’inglese e certe realtà di musica alternativa erano per me tabù. Le canzoni uscivano dai piatti di vecchi giradischi, dalla televisione in bianco e nero, dalla radio che ascoltava mia madre le mattine d’estate mentre faceva le pulizie in casa. Quelle canzoni lì non trattavano altri argomenti che non fossero strettamente collegati al tema dell’amore. Non credevo che gli altri popoli della terra fossero davvero sensibili alla musica come lo eravamo noi italiani, almeno per il concetto che avevo io di sensibi­lità musicale. Pensavo forse che gli altri la trasformassero (quella sensibilità) in impulsi o in energia, per mezzo di qualche ghiandola di cui noi non eravamo dotati, o in visioni che andavano oltre i nostri sensi. Mentre per noi la sensibilità musicale era in primo luogo sentimento, una forma che ci inculcavano fin da bambini. Le cose, oggi, sono molto cambiate, la fruizione della musica è diventata più confidenziale, e ciascuno può trovare ciò che più gli piace negli infiniti canali che la contemporaneità ci mette a disposizione. Ma quelle storie di piccoli e grandi adulteri, di passioni indomite e fiere, di arrendevolezze, riecheggiano ancora nella mia testa. Gli anni Settanta erano un meccanismo d’amore impazzito, un secolo dentro a un altro secolo.

Annunci

3 Risposte to “Pensami, tanto tanto e intensamente, con il corpo e con la mente”

  1. libera Says:

    E’ incredibile come la musica sia capace di rendere presente e percepibile quello che non lo è più. Negli anni settanta avevo diciotto anni, erano gli anni della contestazione giovanile, si ascoltavano De Andrè, Bob Dylan, i Pink Floyd,Jimi Hendrix. Snobbavamo il festival di Sanremo. Facevamo discussioni interminabili, con relativa analisi del testo delle sue canzoni(pensa tu che menate!!!) su Battisti che trovavamo troppo ripiegato su un individualismo becero e lagnoso, salvo poi, per quanto mi riguarda, andare a casa e ascoltare i cantautori francesi, Ferrè, Breil e quelli sudamericani,De Morales, Toquinho. Quante contraddizioni in quegli anni! ma a me pareva di vivere ogni giorno con la musica nell’aria.
    Bel post, gradevolissimo per il contenuto e per il tono.

    • libera Says:

      Correggo: Brel

    • foggyland Says:

      negli anni 70 non c’ero ancora, ci sono arrivata per caso o per errore proprio alla fine. Ma quella musica nell’aria, chissà come me la sento anche io. Sarà che mio padre mi cantava la guerra di piero come fosse la più bella delle ninne nanne, e joan baez. E per farmi addormentare mi raccontava di sacco e vanzetti. E forse non c’era jimi hendrix, perchè non era proprio la sua musica, ma quando è stato il momento hendrix sono andata a cercarmelo da me, e l’ho trovato anche grazie a mio padre. Come ho scoperto già grandicella che bandiera rossa non era l’inno nazionale, ma quella canzone che più ancora sapeva unirci nelle domeniche in gita con il paese, e c’era il paese intero. Non sarà stato come viverli, ma per certi versi, c’è chi ha saputo raccontarli davvero bene. (Grazie mamma, grazie papà e grazie nonna)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: