Il primo di giornata

28 ottobre 2011

Lo vedo ogni mattina, ha gli occhi rossi e l’espressione dolce e spaventata. È un uomo corpulento sopra i cinquanta, veste sempre alla stessa maniera, con una camicia scura con i gomiti consumati. Entra nel bar verso le sette e mezza e si guarda intorno spaurito, poi si avvicina al bancone, si mette in disparte, appoggia un gomito e abbassa gli occhi. Sembra che osservi di nascosto le persone che fanno colazione, quella nube calda di chiacchiere e frenesia mattutina. Non ha bisogno di indicare nulla, il barista dietro al banco sa fare il suo mestiere, conosce i precetti della discrezione, si muove verso di lui, con un movimento disinvolto e riservato gli versa da bere il primo di giornata, quello che sembra un vino bianco da aperitivo o uno spumante con le bollicine. L’uomo fa un cenno di assenso con la testa, è un dialogo muto che si ripete sempre uguale ogni giorno, una specie di confessione senza penitenza né giudizio. L’uomo prende il bicchiere guardando da un’altra parte, tira giù tutto d’un sorso, si asciuga i lati della bocca, e senza dire una parola esce e se ne va.

Annunci

4 Risposte to “Il primo di giornata”


  1. Questo dialogo muto è meraviglioso. Un modo di comunicare pressochè perfetto. Che immagine perfetta.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: