L’epifania di un mattino

L’ho visto camminare al mattino presto, quando le stelle sono ancora luminose, alla fine dell’inverno, lungo la strada ghiacciata, stringersi le braccia al petto perché aveva freddo, poi fermarsi a guardare l’enorme croce in ottone che sovrasta la facciata della chiesa. Era nero, di quel nero infinito e lancinante di certi popoli dell’Africa profonda, e osservava con gli occhi sbarrati tutta questa parte di città insignificante. Indossava una giacca da donna col collo di pelliccia, era così ridicola quella giacca addosso a lui che sarà stato alto due metri. Ma il suo corpo in qualche modo non sembrava consapevole del fatto che indossasse un capo d’abbigliamento da donna, il suo corpo doveva solo difendersi da tutto quel gelo e magari scovare qualcosa da mangiare. Gli è corso incontro un ragazzino all’improvviso, gli ha chiesto un’informazione, credo. Lui lo ha guardato come si guarda un prodigio. Dice quattro parole in tutto d’italiano, e con quelle ha cercato di farsi capire. Ma il ragazzino ha scosso la testa, però era già qualcosa che un ragazzino bianco gli concedesse una simile fiducia, pensare – voglio dire – che lui, alto e nero e con una giacca da donna, potesse indicargli la strada in un quartiere deturpato d’occidente. È risalito poi senza vita lungo il marciapiede, fino al semaforo. Lì si è fermato. L’ho visto sedersi in un angolo, sull’asfalto, fare il fumo dalla bocca col fiato. Ripartire da lì, deve aver pensato, in tutta quella vasta disperazione, in quella stanchezza che gli è piombata addosso all’improvviso come un sacco di sabbia, ripartire dall’informazione che gli ha chiesto il ragazzino, dall’epifania di un mattino.

Annunci
5 commenti
  1. Ornella ha detto:

    Tocca la mia sensibilità, commossa.

  2. elena coleine ha detto:

    che meraviglia…una poesia in prosa.
    Il battito del cuore, del mio cuore, che leggendo questa EPIFANIA si è messo a battere più forte, qui, in un “insignificante angolo d’occidente”.
    Grazie Andrea, sapere che ci sei mi conforta!!!!!

  3. Andrea Pomella ha detto:

    Bene, Ornella, Elena. Adesso tornate a ridere, che ci serve.

  4. ELENA ha detto:

    CI SI PROVA, ANDRè, ANCHE SE REALISTICAMENTE…C’è POCO DA RIDE!!!!AHAHAHAHA, UN SALUTO!

  5. simonaf ha detto:

    Ieri sera ho visto Wellcome, storia di ordinaria disperazione.
    Siamo figli della casualità di nascere in un luogo, oppure in un altro: nessun merito.
    Conserverò il tuo nero e lancinante racconto tra le cose che amo. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: