Gli inseparabili di Piperno

2 aprile 2012

Complessivamente Persecuzione di Alessandro Piperno mi era piaciuto. Non mi è piaciuto invece Inseparabili, che di Persecuzione è il proseguimento, o per dirla correttamente, la seconda parte di un’opera unica dal titolo Il fuoco amico dei ricordi. So bene che è come dire di un romanzo che ti sono piaciute solo le prime duecento pagine. Ma qui va fatta una riflessione sulla scelta editoriale (assai discutibile) di proporre l’opera in due puntate, pubblicizzando i due libri come se fossero due storie in sé compiute. Non sono due storie leggibili separatamente (sono, appunto, inseparabili) e, in quanto opera unica, ha dei difetti che la lunga distanza contribuisce a svelare impietosamente. Insomma, una parte è poca, due son troppe. Sarebbe stato più saggio, forse, operare dei tagli e dare alle stampe un solo volume. Ma qui si entra nell’ambito dell’editing e delle scelte commerciali. In Inseparabili ritroviamo i figli di Leo Pontecorvo, l’oncologo infantile che in Persecuzione viene travolto da uno scandalo sessuale e finisce per marcire in un seminterrato nell’indifferenza dei suo familiari. I due ragazzi ora sono due uomini, il più grande, Filippo, è diventata una star grazie a un film denuncia sulle violenze ai danni dei bambini. Il secondo, Samuel, è invece alla prese con un fallimento lavorativo ed esistenziale più grande di lui. La prosa di Piperno mostra qui la corda, è fredda anche quando si avventura nelle sinuosità della passione. I dialoghi hanno un che di artificioso, gli snodi narrativi sembrano sempre accadere per una forzatura dell’autore e non per un’evoluzione naturale della storia. Piperno non è Bellow, né tantomeno Roth, come vorrebbe certa critica. È pur sempre al di sopra della media nazionale, va detto. Ma sappiamo bene quanto sia bassa questa media. Con buona pace di tutti.

Annunci

2 Risposte to “Gli inseparabili di Piperno”


  1. Non ho ancora letto Inseparabili, ma Persecuzione lo trovo un buon romanzo. La scrittura di Piperno mi piace per la naturalezza con cui conduce nei meandri del pensiero del protagonista e per come riesce a rendere palpabili atmosfere quasi impossibili da descrivere a parole, se non per chi possiede l’arte della scrittura. La tua critica al secondo volume è interessante e probabilmente hai ragione sul fatto che sarebbe stata più sensata una scelta editoriale che prevedesse un unico volume. Probabilmente hanno forzato la mano per questioni di marketing. Sarebbe interessante sapere cosa ne pensa Piperno stesso. Un autore comunque da seguire. A presto.
    Dafne


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: