La poesia precede la storia

La mia ossessione poetica è il mondo prima della comparsa dell’uomo. Per assecondare la mia ossessione qualche volta vado su Wikipedia e cerco le definizioni delle ere geologiche più remote. Leggo frasi così: “La base del Famenniano, è fissata alla prima comparsa negli orizzonti stratigrafici dei conodonti della specie Palmatolepis triangularis. Questo limite è appena al di sopra dell’evento di estinzione di massa, noto come Kellwasser Event, che ha portato all’estinzione di tutti i conodonti dei generi Ancyrodella e Ozarkodina e di quasi tutte le specie di Palmatolepis, Polygnathus e Ancyrognathus”. Lo faccio perché mi sento attratto da questo linguaggio scientifico così impassibile e freddo,  un linguaggio che liquida milioni di anni di storia in un soffio di parole. Di quei millenni non so proprio niente. Mi faccio delle domande ma non so niente. La memoria della specie umana, di cui conservo nei condotti genetici, come ogni creatura vivente su questo pianeta, una particella infinitesimale, non ha conservato nulla di queste epoche remotissime, del vento che batteva le lande disabitate del mondo, delle piogge preistoriche che bagnavano la solitudine cosmica, o di qualsiasi altra cosa. È un paradosso spettacolare, lo so. Tutto questo tempo – questa volume sterminato, abnorme, di tempo – è passato, e questo timido, fugace e caldo essere umano che sono diventato cerca di ricordare, di condensare in un’immagine un paesaggio terrestre inviolato, abbacinante e limpido come una stella appena nata. Il ricordo della preistoria è caldo e pacifico. Il paradosso, dicevo, è che la poesia precede la storia.

Annunci
2 commenti
  1. anonymous ha detto:

    il pianeta senza l’uomo. le rocce, che tocchiamo ora e che usiamo per costruire le nostre case, si erano gia` raffreddate. stolide e ruvide, sul greto del fiume o sull’altipiano, hanno atteso piu` di una coda in posta per farsi raccogliere da primati pelosi e da vermi rosa. gli atomi che le compongono non sono diversi da quelli che ordiscono la nostra carne: sintetizzati nelle stelle miliardi di anni fa nel disinteresse generale. poi abbiamo costruito altre cose, abbiamo mischiato gli elementi, inquinato l’aria e divelto alberi. la scena di umida e molle natura che attende il protagonista canceroso e` l’ironia piu` cupa.

  2. Non è facile il concetto della poesia che precede la storia. Forse nel senso che la poesia c’è di per sè? E la funzione dell’uomo è stata di averla in qualche modo raccolta?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: