La vecchia, sana, inossidabile idea di letteratura dei padri tromboni

12 ottobre 2012

Ogni tanto mi capita di leggere un romanzo scritto bene, con un bel linguaggio accurato, magari anche originale, una voce narrante che si impone, ma con una storia insignificante. Non dico una storia brutta, di quelle che in ogni caso smuovono qualcosa nel fondo dell’animo del lettore, ma una storia scialba, della quale non si riesce a provare il minimo interesse. In questi casi mi metto nei panni dell’autore e mi domando se ne valeva la pena di investire tante energie per raccontare una storia così irrilevante. Naturalmente l’autore di questa opera X non la penserà come me, per lui senz’altro quella storia sarà la migliore che poteva essere raccontata. Se abbiamo a che fare con un pallone gonfiato costui dirà che l’oggetto della narrazione non c’entra, che la sua è “grande arte letteraria”, che ha deciso intenzionalmente di cimentarsi in una storia che infrange le regole base del romanzo, eccetera eccetera. Per quanto mi riguarda resto fedele alla vecchia, sana, inossidabile idea dei padri tromboni della letteratura, che il compito principale di questa nobile arte debba essere narrare, ovvero tramandare una vicenda, un pensiero, o, in un senso più profondo, svelare. E questo perché, attraverso il romanzo, ciò che si instaura tra autore e lettore è un rapporto di confidenza eccezionale. Il romanzo dev’essere quindi un sussurro rivelatore, e per fare questo occorre che la parola pronunciata in quel sussurro sia straordinariamente interessante. Insomma, io la penso come Aharon Appelfeld:

“La letteratura dice: guardiamo questa particolare persona. Diamole un nome, un luogo. Offriamole una tazza di caffè… la forza della letteratura risiede nella capacità di creare un’intimità”.

Annunci

5 Risposte to “La vecchia, sana, inossidabile idea di letteratura dei padri tromboni”


  1. L’argomento del tuo post è oggetto di discussioni ricorrenti con gli amici scrittori. Io sono schierata come te, gli esercizi di stile mi lasciano tiepida, a meno che la ricerca stilistica sia aggangiata saldamente a quella tematica: una nuova scrittura per esprimere contenuti nuovi, o un nuovo modo di intenderli. Il modernismo di Virginia Woolf continua a esprimere contenuti interessantissimi, anche quando lo fa esasperando la ricerca stilistica. Ma di Woolf, o di Joyce, o di Barnes (Djuna) ogni secolo ne produce pochi esemplari…

    • Andrea Pomella Says:

      Per quanto mi riguarda c’è una regoletta aurea: lo stile dev’essere al servizio del contenuto. Quando il contenuto viene piegato allo stile vuol dire una cosa molto semplice, che non si ha niente da dire. Non è un caso che a tutte le latitudini, geografiche e artistiche, coloro che si dichiarano “sperimentatori” siano nella gran maggioranza apprendisti alle prime (e spesso ultime) armi.


  2. Mi sembra giustissima l’osservazione di Andrea: lo stile al servizio del contenuto. Altrimenti la scrittura diventa un esercizio autoreferenziale, senza senso. Poi, naturalmente, spesso il nome sulla copertina conta più d’ogni altra cosa, e questo non dovrebbe essere giusto…

  3. elisa Says:

    Io credo che tutti quelli che amano leggere la pensino come te Andrea, me compresa. Forse non tutti quelli che scrivono e vengono pubblicati, che non è detto siano quelli che amano scrivere.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: