La mia su una questione di critica letteraria di cui son pieni i blog

17 dicembre 2012

Una serie di letture recenti di autori italiani, per lo più giovani, per lo più che attingono per le loro opere all’esperienza autobiografica (quattro nomi su tutti: Tomassini, Garufi, Tonon, Dadati) mi ha fatto balzare all’occhio una caratteristica che li accomuna e di cui si sarà senza meno scritto e parlato negli affollati gironi infernali della critica letteraria italiana, ma di cui, per mia colpa, mia grandissima colpa, non ho avuto notizie. Il centro della rappresentazione di questi romanzi è la realtà (“le cose stanno così”, l’accertamento non è accettazione!” era scritto nel Manifesto del New Realism lanciato lo scorso anno dal filosofo Maurizio Ferraris), una verità che non cerca in alcun modo di attrarre il lettore, neppure attraverso l’esposizione del dolore – che rappresenta ancora una delle leve più forti capaci di mettere in connessione il testo con chi legge – e che non è neppure rappresentazione (come avveniva nella miriade di precedenti storici legati alle varianti del termine “realismo”), ma è in via assoluta. In questi testi, in qualche modo, si è fatto un salto, si è incominciato a usare una tecnica mutuata dal cinema, una specie di presa diretta che permette di avere il “suono” originale degli ambienti, dei dialoghi e di quant’altro accade sul “set”, un live in cui nulla viene scartato perché ritenuto disturbante o anti-estetico. Un risultato che però viene ottenuto non attraverso un semplice travaso dei dati dal reale – più o meno autobiografico, più o meno manipolato – alla pagina scritta (come facevano per esempio i surrealisti e i beat, ossia adoperando tecniche di scrittura automatica), ma con un lavoro paziente e minuzioso sulla qualità della lingua. L’effetto finale è un’adesione al reale impressionante, mai consolatoria. Il testo letterario non è più il mezzo attraverso cui si racconta un fatto; il testo letterario – parafrasando McLuhan – diventa esso stesso un fatto, che è a sua volta materia per un racconto ulteriore (accade spesso che la composizione del testo diventi materia del romanzo), un trascinamento metatestuale che finisce per convogliare vita e arte oltre ogni precedente storico. Tutto questo alla faccia di quegli addetti ai lavori che per anni non hanno fatto altro che ripeterci che il vizio inveterato di taluni scrittori di degenerare nell’autobiografismo (da distinguersi dall’autobiografia, dove la presenza dell’autore nell’opera letteraria è conclamata) era deteriore e che la vita di un individuo normale non ha nulla di speciale da meritare di essere raccontata, non almeno quanto la pura invenzione.

Annunci

2 Risposte to “La mia su una questione di critica letteraria di cui son pieni i blog”


  1. Interessante; leggo poca narrativa, quindi non saprei giudicare. Pero’ mi chiedo cosa abbiano questi autori (che non ho letto) di diverso o nuovo rispetto a, poniamo, Carver… il fatto e’ che dall’intervento si possono trarre indicazioni generiche piuttosto che appunti precisi, a detrimento di chi non ha letto gli autori di cui si sta parlando.

    • Andrea Pomella Says:

      Le indicazioni generiche che ne trai sono dovute a due fattori: il primo è che non sono un critico letterario, anche se ogni tanto mi avventuro in questi territori, il secondo è che l’argomento richiederebbe una trattazione molto più ampia dello spazio di un post. Cosa c’è di nuovo rispetto a Carver, mi chiedi. A Carver piaceva la creazione pura.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: