Del perché la scadenza dell’affitto di casa non aggiunge una virgola alla sterminata storia della letteratura universale

7 gennaio 2013

Se attaccassi un pezzo con la frase “Stamattina mi sono svegliato con il pensiero che devo pagare l’affitto di casa”, non sarei giudicato per niente originale. Il motivo è che una frase di questo tipo è stata sequestrata da un certo tipo di letteratura, per lo più di ascendenza americana, in cui il protagonista è quasi sempre un tipo svogliato, pieno di problemi pratici di sopravvivenza, ma abbastanza dritto da avere successo con le donne. Questo genere di letteratura ha letteralmente debordato poi nel cinema e nelle serie Tv di maggiore successo. Ragione per cui se io, stamattina, scrivessi la sopra menzionata frase, non aggiungerei una virgola alla sterminata storia della letteratura universale. In realtà, credo che per aggiungere quella famosa virgola non mi basterebbe eludere il problema dell’affitto, né lasciare intendere che sono in bolletta, o che la sera prima, per non affogare nei pensieri, ho trangugiato una vasca di bourbon. Niente di tutto questo, insomma. Per aggiungere quella virgola dovrei scavallare le montagne, passare a piedi nudi il deserto, attraversare a nuoto l’oceano, mendicare città per città, fare i cinque continenti strisciando come una serpe. Centomila cose, insomma, tanto più facili che racimolare il gruzzolo che serve per passare un altro mese in questa stamberga (ecco un’altra frase convenzionale, falsificata dall’abuso collettivo, che non mi rappresenta, e che è stata sottratta all’utilizzo comune dagli scrittori marpioni a cui accennavo). Bene, detto questo rimane il fatto che devo pagare l’affitto di casa. E fra tutte le solfe letterarie e immateriali della mia vita, questa mi sembra la più concreta di tutte.

Annunci

2 Risposte to “Del perché la scadenza dell’affitto di casa non aggiunge una virgola alla sterminata storia della letteratura universale”

  1. Silvia Says:

    Le ragazze, nella letteratura, non devono mai pagare l’affitto. Le ragazze di certa letteratura albergano in case d’uomini che non pagano l’affitto, e non se ne preoccupano. Io ho ancora una settimana di tempo prima di pagare l’affitto, una settimana in cui potrei iniziare a camminare a piedi proseguendo sempre. Tra una settimana pagherò l’affitto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: