L’incontentabilità

7 aprile 2013

Thomas Mann“L’incontentabilità a dir vero era stata per lui fin da giovinetto essenza e intima natura del talento letterario, e per amor suo egli aveva domato e raffreddato il sentimento, poiché sapeva che esso tende ad accontentarsi di un allegro suppergiù e di una mezza perfezione”.

Oggi pomeriggio mi sono messo a rileggere La morte a Venezia. Dopo poche pagine mi è venuto incontro questo passaggio in cui Thomas Mann spiega uno dei limiti dell’opera di Gustav Aschenbach, o perlomeno qualcosa che lui, nella finzione romanzesca, doveva percepire come tale: la mancanza di incontentabilità. Vale a dire, lo scrittore veramente grande è colui che non si accontenta, che pone l’asticella sempre un po’ più in alto di quanto lui stesso, oggettivamente, ritiene essere la soglia massima raggiungibile dal proprio talento. E quindi, quelli che noi chiamiamo “capolavori letterari”, in realtà non avrebbero ragione di essere definiti tali, perché se fosse esistito nei secoli un talento così puro e provvisto della somma dote dell’incontentabilità, costui – è del tutto evidente – non ci avrebbe lasciato l’ombra di una creazione, e l’idea stessa di capolavoro andrebbe ripensata. Secondo questa logica, quel che abbiamo sarebbe invece un pantheon di mezze opere, di accomodamenti, di scialbi compromessi, e quel che chiamiamo “storia della letteratura universale” non sarebbe altro che un elenco di autori che si sono “accontentati”, una successione di “allegri suppergiù”. Un po’ vero e un po’ no; però, a suo modo, Mann ha ragione. È l’incontentabilità che fa la differenza. È l’insoddisfazione cronica, la nevrosi del sognatore incallito che non scende mai a patti con la realtà. E uno scrittore, in tutta verità, è nient’altro che questo.

Annunci

4 Risposte to “L’incontentabilità”


  1. Come sempre grandi riflessioni in piccolo spazio. Grazie.

  2. giuseppebarreca Says:

    una riflessione assai lucida e artistica. Chi vuole essere letterato pure, forse, deve inquietarsi di sé e del mondo in ogni attimo che passa sulla terra

    • Andrea Pomella Says:

      Non sarebbe male che lo facesse anche chi non aspira a essere letterato, magari non in ogni attimo, ma quando serve.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: