Analisi logica del “primo maggio”

Il fatto che si chiami “primo maggio” mi ha sempre fatto pensare che poi viene un altro maggio. Ma poi non viene mai un altro maggio. E in fondo si chiama “primo maggio” proprio per questo, perché anche l’anno prossimo sarà di nuovo il “primo maggio”, e anche l’anno dopo ancora. Il primo, sempre il primo. E noi fermi senza progresso, senza mutamenti, al palo delle rappresentazioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: