Dostoevskij e il mal di testa

26 luglio 2013

Quando penso a Dostoevskij, penso al mal di testa. Non perché Dostoevskij mi faccia venire il mal di testa. Penso al mal di testa perché immagino che uno come Dostoevskij, dopo aver scritto quei romanzi immensi, quei voli spericolati nella coscienza umana, dovesse finire le giornate con dei rovinosi mal di testa. Lui stesso, del resto, fa dire a Ivan Karamazov: “Sai a quale scopo ti sto dicendo tutto questo, Alëša? Non so, ho mal di testa e sono triste”. Quando penso a Chatwin, invece, penso al mal di piedi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: