Eh… Gira

27 settembre 2013

In un cubo di Rubik nuovo di fabbrica, ogni faccia ha tutti i quadrati dello stesso colore. Cioè, il cubo di Rubik lo vendono (non so se lo vendono ancora) già risolto, poi sta a chi lo compra mescolare le facce e tentare di riportarlo allo stato originale. Ma la difficoltà di risolvere il cubo di Rubik è leggendaria. Così, nel mondo, solo una percentuale dello zero-virgola-zero-zero-qualcosa di cubi di Rubik ha avuto la fortuna di ritornare almeno una volta allo stato originale. Fare questo, tornare allo stato originale delle cose, è una fatica improba che riesce solo in una percentuale di zero-virgola-zero-zero-qualcosa di volte.

Se dico a qualcuno: “Non mi sento tanto bene, mi sa che mi è venuta l’influenza”, ci sarà un’altissima probabilità che quel qualcuno risponda con una parola lapidaria preceduta dall’interiezione eh: “Eh… Gira”. L’influenza, per il linguaggio comune, prima di ogni altra cosa, è qualcosa che gira.

Annunci

Una Risposta to “Eh… Gira”


  1. Mi ha fatto molto riflettere questo tuo post. Ritornare allo stato originale potrebbe essere vantaggioso se c’è da mettere a posto guai combinati, non ricommettere gli stessi errori. Ci trovo anche una forma di povertà nel tornare allo stato iniziale. I percorsi che cambiano, arricchiscono sicuramente. Io sono dell’idea che lo facciano anche quando impoveriscono.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: