Sbagliare persona

21 marzo 2014

Ieri sera sono andato alla presentazione di un libro, alla fine della presentazione sono uscito dalla libreria e ho attraversato la strada, una macchina ha rallentato, era una spider d’annata con le ruote a raggi dalla quale si è affacciato un tizio col viso abbronzato e lucido, il tizio mi ha sorriso, io ho sorriso a lui, il tizio ha continuato a sorridermi annuendo, io ho detto: “Sì?”, e lui: “Ma sei tu?”, senza smettere di sorridere gli ho risposto: “Quasi sempre”, lui ha sorriso ancora di più: “Andrea? L’attore?”, l’ho fissato con un’espressione un po’ ebete: “Andrea sì, ma l’attore…”, al che lui scuotendo la testa: “Oddio, scusami, ho sbagliato persona”.

Andando via ho pensato che la parola sbagliare ha lo stesso etimo di abbagliare, ma con un altro prefisso, per un’associazione di idee ho pensato al viso del tizio, abbronzato e irrorato di crema idratante, il viso che luccicava sotto le luci elettriche dei lampioni come una scarpa di cuoio ingrassata, che abbagliava.

Annunci

2 Risposte to “Sbagliare persona”


  1. Orazio avrebbe detto “lucido e grasso come un maialino” [del gregge di Epicuro]: ma dubito che il bronzeo automobilista abbia propensioni epicuree, tranne forse per la variante stracciona, per la quale epicureo corrisponde a godereccio.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: