Pugni

8 aprile 2014

surgelatiSere fa parlavo con una persona e ho detto: “Più invecchio e meno ho rispetto per i libri, li leggo, certo, ma al primo segno di cedimento li abbandono”, al che mi è tornata in mente una frase di Kafka che avevo letto giusto qualche giorno prima, la frase dice: “Se il libro che leggiamo non ci sveglia come un pugno che ci martella il cranio, allora perché leggerlo?”

Al supermercato, accanto al reparto surgelati, ho visto una coppia sulla sessantina, lei con un abito colorato come un giardino botanico, lui alto e sportivo, con una leggera incurvatura nella schiena e una magrezza aristocratica, lei guardava lui e a un certo punto gli ha detto: “A che pensi?”, e lui ha risposto: “Alla luce di qua dentro. È la stessa di un obitorio”.

Annunci

Una Risposta to “Pugni”


  1. Kafka aveva ragione… ma anche il signore al banco surgelati… l’epifania quando arriva, arriva…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: