Raccontare Roma

29 maggio 2014
Federico Fellini, disegno per Satyricon: Vernacchio

Federico Fellini, disegno per Satyricon: Vernacchio

Vado ad assistere alla presentazione di un libro, a un certo punto si parla del rapporto tra cinema e letteratura, di come scrittori e cineasti hanno raccontato Roma, una persona del pubblico prende la parola, dice di non capire l’interesse degli artisti per le terrazze romane, dice che la peculiarità di Roma non sta nel mondo dei salotti, dice che non si spiega perché, per esempio, gli artisti non si interessano mai del papa, dice pressappoco così, dice che il papa sarebbe un argomento interessante.

Nel Grande Nulla ultimamente si lavora a un progetto per trovare un’occupazione ai rifugiati politici, c’è un impiegato che si rifiuta di lavorare al progetto, dice che lui “coi negri nun ce lavora”, l’impiegato ha un computer su cui poltrisce tutto il giorno, sullo schermo ha la foto della cancellata d’ingresso del campo di concentramento di Auschwitz con la scritta “Arbeit macht frei”, l’impiegato ha sempre freddo, in ufficio si è portato una stufa elettrica e la tiene accesa tutto il giorno, indossa maglioni pesanti anche a fine maggio, è molto cagionevole di salute.

C’è un punto importante che divide gli artisti romani dai non romani nel raccontare Roma. Per i non romani Roma è una città briosa, truculenta, comica, vitale, immensamente provinciale. Per i romani è una città tragica. Nel raccontare Roma, i non romani hanno mediamente più successo dei romani per un motivo preciso: perché  il mondo è composto in maggioranza da non romani.

Annunci

2 Risposte to “Raccontare Roma”

  1. poetella Says:

    io sono romana.
    ma non racconto Roma.
    lascio che sia lei a raccontare…
    e a raccontarmi.
    Meglio.

  2. Ornella Says:

    Io non sono romana, probabilmente si, avrei ” più successo nel raccontarla, da una parte la tragicità e dall’ altra una città briosa, truculenta, comica, vitale, imponente, fotografica, immensamente provinciale come quella de ” La grande bellezza “. Credo che in questo Paolo Sorrentino sia riuscito.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: