Leggere spaventa

7 luglio 2014

Ho sentito in libreria due persone che parlavano tra loro, una diceva all’altra di non amare particolarmente i libri, e l’altra gli chiedeva il perché. La prima persona ha risposto: “Leggere mi spaventa”. Non ho mai sentito nessuno accampare una scusa del genere. Di solito i non lettori dicono: “Leggere mi annoia”, che è pur sempre una giustificazione valida per non leggere, una giustificazione che esprime un’aspettativa, l’aspettativa che la lettura sia principalmente intrattenimento, come il novanta per cento delle cose che facciamo al giorno d’oggi, compreso guidare, stirare e fare la spesa al supermercato. Ci aspettiamo che tutto sia intrattenimento, un ostinato passatempo che ci distrae dalla noia della vita. Ma dire che non amiamo fare una determinata cosa perché quella cosa ci spaventa indica altro, indica che ciò che ci aspettiamo da quella cosa non è intrattenimento, ma è consolazione. Proust ha scritto che la lettura diventa pericolosa quando invece di ridestarci alla vita personale della mente, tende a prenderne il posto. Questa è esattamente la cosa che capita a quei lettori i quali, nell’istante in cui aprono la prima pagina di un libro, dicono a se stessi: “Il passato non esiste, il mondo inizia in questo momento”. Ciò che cerca questo tipo di lettore in un libro è un mondo che prenda il posto dell’altro, quello che conosce già. Così ho pensato che il non lettore che ho sentito pronunciare quella frase in libreria dev’essere in realtà un ex lettore stanco che ha conosciuto la bellezza, l’emozione, la gioia, l’amore, la sofferenza, la tristezza, tutti i sentimenti che sono al di là della vita e del pensiero e dentro la lettura.

Annunci

5 Risposte to “Leggere spaventa”

  1. poetella Says:

    propendo per i pomellismi dettati dall’afa…


  2. Chissà cosa lo spaventa di preciso, chissà cosa ha letto in passato per essere spaventato. Perché qualcosa avrà pur letto, fossero anche solo i libri dei tempi della scuola.
    Magari ha paura della quantità di libri che esistono e ha paura di restare deluso e sprecare un sacco di tempo provando disperatamente a cercare quello che fa per i suoi gusti, per la sua sensibilità, per i suoi interessi. O più probabilmente (immagino io) è molto sensibile ed è incappato in libri che gli hanno talmente smosso sensazioni e pensieri da avergli fatto decidere di non sentirsela più di affrontare tante emozioni.
    O chissà cos’altro: spesso, anche se ci sforziamo ad immaginare mille possibilità, veniamo comunque sorpresi dalla realtà che sta nella testa degli altri.
    Ciao Andrea, credo di aver perso di vista i tuoi post da diversi anni, piacere di ritrovarli!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: