Le questioni essenziali

20 ottobre 2014

Ho degli amici scrittori, con qualcuno di loro mi vedo ogni tanto, quando si esce finiamo sempre a parlare di editoria, quasi mai di libri, soprattutto si parla dei pettegolezzi che ruotano intorno all’editoria, a me non piacciono i pettegolezzi, in generale non mi piace parlare delle frivolezze che girano intorno a qualcosa senza parlare precisamente della cosa intorno a cui girano le frivolezze, più invecchio e più trovo difficile schivare le questioni essenziali, ritardarle, quando esco con i miei amici scrittori vorrei non parlare di editoria, ma forse nemmeno di libri, però ci vediamo così di rado che non se ne può fare a meno, credo che sia naturale, bisogna vuotare il sacco, però poi torno a casa con le questioni essenziali sul gozzo, torno a casa e sento che ho sprecato l’ennesima occasione, che tra non molto sarò morto e che io e i miei amici scrittori avremmo potuto affrontare le questioni essenziali, anziché sparlare di questo e di quello, anziché buttare il nostro tempo a discutere delle scelte degli editori, degli altri scrittori, di tutto fuorché delle questioni essenziali, torno a casa e penso a cosa sono, poi, queste famose questioni essenziali, non lo so davvero, forse ho le idee tremendamente confuse, forse esco poco, forse invecchiando ho capito che non si può parlare di libri, che i libri sono fatti per essere letti e basta, che ogni parola in più che si aggiunge è una parola di troppo, che i libri non rientrano tra le questioni essenziali, anche se per una forma molto puerile di infatuazione mi ostino a crederlo, e che i miei amici lo hanno capito molto prima e molto meglio di me, ed è per questo che fanno tanti pettegolezzi, perché sono più saggi, più svegli, più veloci, più assennati, perché sono senza dubbio migliori di me.

Annunci

2 Risposte to “Le questioni essenziali”

  1. rideafa. Says:

    tipo a volte secondo me stare seduti, in silenzio, a guardare il soffitto o guardare le stelle, e ogni tanto, ma solo ogni tanto, parlarsi, è un questione esistenziale.

    io poi penso che i libri siano pure oggettistica fragile.

  2. AdFuss Says:

    Ti trovi in questo stato d’animo pietoso perché l’editoria italiana è ormai ridotta a questo: pettegolezzo, cicaleccio, rapporti interpersonali, convenienze editoriali. Si è perso di vista un obiettivo elementare, cioè scrivere bei libri. Romanzi appassionanti, saggi avvincenti, belle raccolte di racconti. Invece prevale altro, tutte quelle questioni essenziali che dici ti sfuggono, ma che in realtà hai sotto gli occhi perché ci sei dentro ogni volta che spettegoli, ogni volta che parli di editoria invece che di libri, ogni volta che sparli di qualche collega o sei a tua volta “sparlato.
    Ritornare al vero oggetto di questo mestiere, ovvero il libro, sarebbe un gran primo passo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: