La cagnara degli storni

19 novembre 2014

Ogni pomeriggio, alle cinque in punto, il quartiere in cui vivo viene invaso dagli storni. Arrivano come furie e si impossessano di tre alberi lungo la strada principale. Restano dalle cinque alle otto, il tempo di bersagliare macchine e passanti. Questo succede da qualche settimana. Nel quartiere non si parla d’altro che di loro. Giorni fa, il mio vicino di casa si è lamentato in ascensore, ha usato una figura retorica ardita: ha detto che gli storni fanno una cagnara.

Tempo fa, uscendo dalla scuola di mio figlio, ho incontrato una donna con un’aria sicura di sé e molto spericolata che camminava tenendo per mano due bambini, una femmina e un maschio. Ora io, avendo un po’ la fissa dei nomi, ogni volta che incontro una donna con un’aria sicura di sé e molto spericolata che porta a spasso due bambini, rizzo le orecchie per captarne i nomi. In questo caso specifico i due bambini si chiamavano Allegra e Tennessee.

Annunci

3 Risposte to “La cagnara degli storni”

  1. gianni montieri Says:

    Tennessee è addirittura meglio di Allegra


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: