Letteratura d’evasione

28 maggio 2015

Paco Ignacio Taibo II, in Quattro idee non molto chiare sullo scrivere romanzi alla fine del millennio, ha scritto:

Non credo che esista quella che è stata definita letteratura d’evasione. Penso che quando un impiegato di un ufficio di merda si nasconde nella toilette per leggere un fantaromanzo con spiritelli e fate, principesse baldracche e cani che sputano fiamme, non sta compiendo un gesto di evasione bensì di liberazione.

In Germania, una tale Giulia Enders, venticinquenne microbiologa, ha venduto oltre un milione di copie con un libro che spiega come fare correttamente la cacca. Il libro in Italia è pubblicato da Sonzogno col titolo L’intestino felice. Su Ibs Pupottina ha scritto: “È stato davvero sorprendente, per me, leggere un saggio di medicina e trovarlo estremamente interessante. Consigliato. Voto: 4/5”. Su Amazon, invece, colpiscono i canonici Leggi l’estratto e Disponibile per il download immediato che riferiti a questo libro assumono tutto un altro sapore.

Annunci

Una Risposta to “Letteratura d’evasione”

  1. ginevra Says:

    non potrei comprarlo mai. non riesco a parlare di quell’argomento. figuriamoci a leggerne. naturalmente è un mio limite.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: