Scempi

A Bolzano ho visitato la cappella di San Giovanni nella chiesa dei Domenicani. All’interno della cappella c’è un bellissimo ciclo di affreschi, tra i migliori esempi di pittura di scuola giottesca del nord Italia. Il mio accompagnatore ed io ci siamo soffermati sulla scena che raffigura il martirio di San Bartolomeo (qui). San Bartolomeo secondo la tradizione venne scuoiato della pelle per ordine del re dei Medi. La rappresentazione pittorica più famosa di questo episodio è nel Giudizio Universale della Sistina, dove Michelangelo, in quello che forse è l’autoritratto di artista più angosciante di tutti i tempi, raffigura se stesso nella pelle floscia staccata dal corpo di San Bartolomeo (qui). Nella cappella di San Giovanni, il cosiddetto “Maestro dei Domenicani” (l’autore degli affreschi) raffigura il martirio nella sua fase iniziale. Il santo è sdraiato su un tavolo, intorno a lui sei uomini incidono la pelle delle braccia e del torace. Mentre osservavamo la scena, il mio accompagnatore ha detto a voce alta: “Cosa doveva esserci nella testa di questi uomini per compiere su un altro uomo uno scempio del genere?”. Ed io, in un impeto di razionalismo: “In fondo si tratta di gente vissuta duemila anni fa”.

La sera torno a casa, accendo la tv e sento che il sovrano del Brunei dal 3 aprile ha introdotto nel suo paese un nuovo codice penale basato sulla Sharia. Per omosessuali, adulteri e ladri il codice prevede la lapidazione, il taglio della mano e del piede.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: