Aspettare che si compia la storia del mondo

La settimana scorsa ho visitato il museo archeologico dell’Alto Adige dove è conservata Ötzi, la mummia del Similaun. La gente fa la fila per poter spiare per cinque secondi, attraverso uno stretto oblò quadrato, il corpo di un uomo vissuto cinquemila anni fa. Mentre facevo la fila per guadagnarmi i miei cinque secondi, ho pensato che, in linea di principio, fra cinquemila anni ognuno dei presenti nel museo, me compreso, potrebbe ritrovarsi nella stessa situazione di Ötzi. Ma questo è un pensiero ricorrente, credo, tra le persone che fanno la fila per gettare un’occhiata al corpo marroncino e rattrappito di Ötzi. Ho pensato soprattutto al macrotempo, ossia ai quasi due milioni di giorni trascorsi da quando Ötzi è finito nel ghiacciaio del Similaun a quando nel settembre del 1991 è stato ritrovato dai coniugi escursionisti tedeschi Erika e Helmut Simon di Norimberga, un tempo durante il quale l’essere umano è passato dalle civiltà protostoriche mesopotamiche al Grunge; dagli imperi persiano, cinese e romano, allo scioglimento del Patto di Varsavia; dall’ascesa del Buddhismo, del Confucianesimo, del Cristianesimo, dell’Islam, a Pronto Raffaella; e mentre accadeva tutto questo, Ötzi era sempre lì, marroncino e rattrappito, nel fondo del ghiacciaio, immobile, apatico, distaccato. E la cosa a cui più di tutto ho pensato è: chissà che noia, che mastodontica, acuta, lancinante, sanguinaria noia è dover aspettare che si compia la storia del mondo.

Annunci
1 commento
  1. No, non credo… Ötzi mica era quella cosa lì che sta esposta nel museo di Bolzano, per fortuna. Penso, anzi, che chi è vissuto come lui non abbia mai avuto modo di conoscere la noia; non così come la conosciamo noi oggi, perlomeno. La storia del mondo si compie senza di noi, tranne che per il brevissimo tempo che ci è concesso starci dentro, mentre viviamo… e proprio perché il tempo che ci è concesso è tanto breve, non dovremmo nemmeno sapere che cos’è la noia… e invece se ne parla tanto… se ne vive tanta. Non me lo spiego…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: