archivio

Archivi tag: intellettuali

L’unica figura pubblica di un certo peso che in Italia sta facendo opposizione, che definisce la qualità e i confini del dissenso, che obietta colpo su colpo con la fermezza e il coraggio che servono, replicando alle coglionate quotidiane del governo, che vi piaccia o no, è Roberto Saviano. Ma le derisioni continue sugli intellettuali, sul loro presunto silenzio di fronte allo svuotamento di civiltà in atto, o al contrario sul loro impegno (sempre “troppo poco”, sempre “vano”, sempre “ipocrita”), si sprecano. Ricordate che questo è lo strumento di cui, da che mondo è mondo, si serve la destra più reazionaria per azzerare il pensiero critico e l’uso della ragione al servizio dei principi di solidarietà. E se quando si alza la voce di un intellettuale vi sentite in diritto di non prenderla sul serio, di pensare che tanto è inutile, di dire “da che pulpito” o “da che attico”, tenete a mente questo: siete complici e state spegnendo una luce, piccola o grande che sia. “Salvini è il ministro della crudeltà”, “Un altro passo verso la Russia di Putin”, “Il governo finanzia i torturatori libici”, sono frasi che ha pronunciato un intellettuale. Non il segretario di un sindacato, non il capo politico dell’opposizione, ma uno scrittore, ossia uno che fa un mestiere che non tenete in nessun conto, che disprezzate, come disprezzate l’intelligenza in ogni sua manifestazione, quella altrui e la vostra.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: