archivio

Archivi tag: lovecraft

Forse qualcuno sa che ho passato i miei anni di gioventù ad ascoltare le canzoni di uno che durante i concerti si arrampicava sulle torri del palco ed era capace di lasciarsi dondolare nel vuoto a dieci metri d’altezza. E un altro che urlava “Rape me, rape me again!” e che poi un bel giorno, non trovando più nulla di buono in questo mondo, si è chiuso in una serra e si è sparato un colpo di fucile. Frequentavo gente che certe sere desiderava tagliarsi un dito perché lo percepiva di troppo, o passava ore con la schiena al muro terrorizzata perché sotto i piedi vedeva voragini colme di demoni urlanti. Gli adulti di quel tempo facevano la morale al grunge, dicevano che era roba malsana, che ai loro tempi gli idoli del rock mica rischiavano la pelle facendo certe stronzate (non si ricordavano che AI LORO TEMPI Keith Moon, per dirne uno, durante i concerti imbottiva di esplosivo la grancassa della batteria e la faceva esplodere sul finale dei brani, o che strafatto guidava una cadillac dentro la piscina di un hotel). Sento dire da qualcuno che il pericolo per i giovani di oggi è la trap. Vorrei prenderli a schiaffi, perché non sanno che stanno dicendo due cose che fanno male: la prima è che i ragazzi sono scemi, mica come loro; la seconda è che il rock’n roll non fa più paura, quindi stavolta è davvero morto. Diceva Lovecraft che l’età adulta è l’inferno, mi sento di dargli ragione. Il moralismo e la smania di giudicare erano, sono e saranno il problema principale contro cui combatte la gioventù. È passato tanto tempo, ma non so se ve ne siete accorti: oggi il problema principale siete voi.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: