Posts Tagged ‘mafia’

Follow the money

3 ottobre 2016

Stramberie dei tempi. Un giornalista del Sole 24 Ore ha usato il metodo follow the money per arrivare a svelare la vera identità di Elena Ferrante. Il metodo follow the money era il sistema usato da Falcone per stanare i mafiosi. Diceva Falcone: “Segui il denaro. Se hanno venduto droga in America del nord, nelle banche siciliane saranno rimaste tracce delle operazioni realizzate”. Nel frattempo, nei territori controllati dalla mafia, i mafiosi, per mantenere saldo il potere, usano tecniche di storytelling.

Annunci

Strozzateci tutti, il libro

1 ottobre 2010

Ieri, 30 settembre 2010, in Italia è uscito un libro importante. Il titolo è Strozzateci tutti, l’editore Aliberti. È l’opera collettiva di ventitré scrittori del Sud uniti dall’impegno antimafia. L’antefatto risale al 28 novembre 2009, Silvio Berlusconi è ad Olbia in Sardegna e a un certo punto se la prende con chi, a suo dire, scredita il buon nome dell’Italia diffondendo informazione sulle mafie: «Io se trovo però quelli che hanno fatto nove serie della Piovra e quelli che scrivono i libri sulla mafia e che vanno in giro in tutto  il mondo a farci fare così bella figura, giuro che li strozzo» dice Berlusconi, e giù un diluvio di applausi a scena aperta da parte dei suoi “complici”, vale a dire quelli che in questo paese (e non mi riferisco a Olbia, che non è un paese, bensì all’Italia intera) rappresentano la maggioranza delle persone. Per reazione a questa infamia ecco allora che ventitré “ribelli” del Sud, donne e uomini, provenienti dal giornalismo, dall’università, dall’associazionismo, dalla Leggi il seguito di questo post »

L’albero della conoscenza del bene e del male

29 aprile 2010

Dicono che a rubare i messaggi dall’albero di Falcone sia stata una donna anziana, una clochard, vestita con un cappotto scuro e con una borsa di plastica bianca nella mano sinistra. Dicono che a Palermo la gente sappia tutto di lei. Io invece non so niente, perciò faccio in maniera di darle un nome e una storia, anche se questo nome e questa storia verranno presto smentiti dalla cronaca. Lei è di origine francese, si chiama Giselle, suo padre l’ha chiamata così, come la protagonista del balletto di Théophile Gautier, sognando per lei un avvenire all’Opéra di Parigi. Ma invece Giselle, più modestamente, ha speso vent’anni della sua vita ad insegnare in un liceo di Milano, e poi altri dieci Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: