archivio

Archivi tag: marco rovelli

L’8 giugno esce un libro. L’autore sono io, l’editore è Laurana e la prefazione è di Marco Rovelli. Il titolo è 10 modi per imparare a essere poveri ma felici. Si tratta di un saggio che riparte da una domanda che mi sono posto tempo fa osservando i nuovi fenomeni di povertà che sempre più, complice la crisi economica, umana e sociale che stiamo vivendo, stanno dilagando in questo paese. La domanda era questa: saremo ancora capaci di essere poveri? La premessa alla domanda consisteva nell’osservare come la povertà sia mutata rispetto al passato, quando i poveri erano un elemento visibile della società italiana, e il vivere in povertà sviluppava ancora risorse come la creatività e la cultura. Mentre oggi chi vive in condizioni di ristrettezze economiche tende a nascondersi, a dissimulare i segni della povertà. Questo è un passo tratto dal libro: “Non esiste una sola povertà, esistono molte povertà. Negli ultimi tempi, alle prese come siamo con la peggior crisi finanziaria dal secondo dopoguerra, la gamma delle povertà, se possibile, è diventata ancor più vasta. Hanno così fatto la loro comparsa inediti gradi e sfumature di povertà, fenomeni fin qui ignorati dalla storia. Categorie come i padri separati che sempre più affollano le mense di beneficenza e che a volte sono ridotti a vivere in automobile. O come gli anziani che all’interno dei supermercati vengono sorpresi a mangiucchiare di nascosto un frutto appena arraffato. Sono persone che incontriamo abitualmente per la strada, nei negozi, con le quali condividiamo uffici e viaggi in metropolitana, che di norma non saremmo neppure portati a considerare povere. Sono altresì individui inadeguati a destreggiarsi in una condizione che presumibilmente risulterà loro inconsueta, perché magari hanno passato la loro vita, fin qui, in una discreta agiatezza, cullati dall’illusione di un benessere che avevano creduto eterno, allevati nella sicurezza di un mezzo secolo ininterrotto di pace e prosperità. In poche parole, nuovi poveri incapaci di essere e vivere come tali”. Detto questo, aggiungo che nelle 144 pagine del libro si parla anche di quando la povertà incrocia gioventù e precariato, immigrazione e clandestinità, politica ed economia, letteratura e religione, ma soprattutto di come sia necessario, e non più rimandabile, trovare nuove forme di benessere liberate dalla schiavitù dei bisogni indotti e dalla tirannia del consumismo.

Andrea Pomella
10 modi per imparare a essere poveri ma felici
pp. 144, euro 11,90
prefazione di Marco Rovelli
Editore: Laurana. Collana: Dieci!
data di uscita: 8 giugno 2012
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: